Asur Marche, obbligatoria vaccinazione per gli operatori sanitari

ANCONA – Dopo il caso dell’ostetrica di Senigallia non vaccinata che ha contratto il morbillo, l’Azienda Sanitaria Unica Regionale (Asur) delle Marche ha attivato un percorso, attraverso un gruppo tecnico, con l’obiettivo di mettere in campo un’adeguata copertura vaccinale negli operatori sanitari. Partendo dalla legge n. 119 del 2017, che ha reso obbligatorie 10 tipologie di vaccini per i minori di età compresa tra 0 e 16 anni, e considerando le altre norme di settore sulle vaccinazioni per i soggetti a rischio, compresi gli operatori sanitari, e sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, l’Asur procederà alla stesura di disposizioni ad hoc volte alla tutela del personale sanitario e degli utenti. La Direzione Generale dell’Azienda intende realizzare un’attiva e costante sorveglianza negli operatori sanitari dipendenti, partendo dal documento di valutazione del rischio biologico, per arrivare all’identificazione della tipologia di vaccinazioni da richiedere al personale non immunizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *