Ritrovate ossa a Porto Recanati, potrebbero essere quelle di una ragazza bengalese scomparsa

PORTO RECANATI (MC) –  Cimitero degli orrori scoperto vicino a un casolare abbandonato nei dintorni dell’Hotel House a Porto Recanati, un grattacielo fatiscente al centro di indagini su traffici di droga. Durante alcuni controlli, militari della Finanza hanno trovato ossa umane tra cui un femore carbonizzato. Scavando nella zona, sono state rinvenute altre ossa, anche dentro un pozzo. Tra i resti c’erano anche una scarpa bianca e brandelli di un foulard e di una maglia forse appartenenti a Cameyi Mossamet, 15enne scomparsa ad Ancona nel maggio 2010: le indagini portarono dalle parti dell’Hotel House ma non diedero alcun esito. La Procura di Macerata aprirà un fascicolo contro ignoti per le ipotesi di omicidio e occultamento di cadavere. I resti apparterrebbero ad almeno due persone. Oggi le operazioni di scavo e ricerche nella zona sono riprese, partecipano vigili del fuoco, polizia e finanza. Tra le ossa trovati anche un fermaglio per capelli e una collanina. Solo l’esame del dna potrà permettere di identificare le vittime. Le tracce della giovane avevano portato gli inquirenti a cercare all’Hotel House dove sarebbe andata con un amico. L’inchiesta venne archiviata. La Procura di Ancona ha chiesto informazioni sulle indagini a Porto Recanati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *