Condizioni migliorate per la donna vittima di attacco con acido e accoltellamento

CIVITANOVA (MC) – Fuori pericolo la donna rumena di 32 anni accoltellata più volte e vittima di attacco d’acido da parte del suo compagno macedone e bracciante, Sheval Ramadani. Movente: gelosia. La donna è in prognosi riservata ma non sarebbe più in pericolo di vita. Non è stata sentita dagli agenti della Squadra Mobile, guidata da Maria Raffaella Abbate, perché in stato soporoso indotto per una ripresa graduale. I fidanzati, secondo gli investigatori, stavano insieme da oltre tre anni. Il 32enne l’aveva seguita in varie città d’Italia dove lei aveva lavorato in night club fino a Civitanova Marche: è stato arrestato per tentato omicidio aggravato e con ogni probabilità gli verrà contestata anche la premeditazione. “Volevo ucciderla”, avrebbe ribadito ai poliziotti durante un lungo interrogatorio. Ora è stato trasferito nel carcere anconetano di Montacuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *